martedì 17 luglio 2018

Risposta ad un lettore: abusivismo e costruzioni antisismiche


Dovevo delle risposte a diverse persone che mi hanno scritto in questi giorni nei commenti sul post sull’estinzione a metà del Carbonifero su argomenti piuttosto vari. Non sono abituato a nascondermi, ma in questo periodo ho davvero ben poco tempo per dedicarmi a Scienzeedintorni e pertanto non posso essere sempre “sul pezzo”. Qualche risposta più semplice l’ho data via via, ma su alcune questioni mi sono riservato un maggiore approfondimento. Nel ringraziare Giacomo Milazzo per il suo prezioso supporto nella discussione, questo post è una prima risposta dettagliata ad una delle varie questioni che mi sono state poste. 

edifici crollati dopo il terremoto ischitano
dell'agosto 2017 a Casamicciola 
Parliamo qui dal lettore ischitano che detenendo una casa dichiarata abusiva, mi scrive così:
La scienza avrà anche i suoi meriti, ma diventa insopportabile quando ricorre a metodi coercitivi. Lo Stato NON può e NON deve obbligare la gente a farsi vaccinare o a costruire casa secondo istruzioni cosiddette antisismiche. A casa mia decido io e soltanto io. Dovranno passare sul mio corpo prima di abbattere la mia casa di Ischia!!! Non vorrei offendere, ma voi geologi a volte siete uccelli del malaugurio…
A questo commento ho risposto in modo probabilmente un po' ruvido:
Intanto mi scuso se, come dicono a Campi Bisenzio, parlo francese, ma certi commenti scatenano il parigino che è in me.
Banalmente, la Scienza non è democratica. Nella Scienza si parla solo di DATI ottenuti in modo verificabile da altri ricercatori e comparsi in articoli in peer-review.
Cose che vanno contro lo "stato dell'arte della Scienza" senza ricerche significative o semplicemente citando post su social network o filmati su youtube sono semplicemente emerite cazzate. Comunque qui sono due questioni diverse.
I vaccini sono una cosa "pubblica" e il comportamento di uno stronzo idiota, irresponsabile e incompetente che grazie alle sue imbecilli convinzioni gioca sulla salute altrui non vaccinando i suoi figli può essere causa di problemi per un disgraziato che non si è potuto vaccinare. E quindi lo avrà sulla coscienza in caso di gravi problemi. Sono cazzi suoi ma badi che se venisse dimostrato che una persona è morta o ha avuto conseguenze gravi a causa di un comportamento deliberato del genere spero che Lei venga buttato in galera seduta stante
Invece se Lei non vuole deliberatamente una casa antisismica, succede un terremoto la casa crolla e lei ci lascia le penne, cazzi suoi. Un irresponsabile in meno sulla faccia della Terra. Mi dispiacerebbe invece un ricovero in ospedale, che costerebbe alla collettività
Ne è seguita una risposta, inevitabilmente piuttosto vivace:
Vabbè, ma che modi sono?!
La sua risposta è stata molto aggressiva.
Accetti il contraddittorio, non voglio imporle necessariamente le mie opinioni, ma pretendo perlomeno che la "COMUNITÀ SCIENTIFICA" ascolti il parere del POPOLO che le ricordo, caro signor Piombino, in DEMOCRAZIA è SOVRANO.
Allora, cercherò di spiegarmi meglio...
La scienza (e con essa il governo) NON può e NON deve imporre la vaccinazione obbligatoria di massa. I vaccini contengono metalli estremamente dannosi per l'organismo. Questi metalli possono danneggiare seriamente il cervello, provocare l'autismo, ecc. quindi la questione è molto seria!!! I vaccini fanno più male che bene, ecco. I medici (che quasi sempre sono al soldo delle multinazionali del farmaco) dicono: "I vaccini hanno debellato molte malattie ed hanno allungato la durata media della vita." Ebbene, NON è così!!! Se molte malattie sono quasi del tutto scomparse, se la vita umana si è allungata, il merito non è dei vaccini, ma del miglioramento delle condizioni igieniche. Non voglio leggere le riviste scientifiche "peer-review" che lei menziona di continuo, non le leggo perché ci capisco poco e sinceramente mi va bene così. Preferisco fare affidamento su quei ricercatori indipendenti che osano discostarsi dal pensiero unico imposto dalla "comunità scientifica".
Casa abusiva. Non faccio mistero del fatto che la mia casa qui a Ischia è stata dichiarata "abusiva" (termine ambiguo) da alcuni specialisti inviati, mi pare, dalla Regione Campania. Anche qui cercherò di essere chiaro: la casa me la sono costruita col SUDORE e col SANGUE. Non è vero che è stata costruita con materiali scadenti, questa è una bugia fatta circolare dal Comune perché vogliono farmi la multa. Non ci riusciranno. Come già scritto, dovranno sul mio cadavere prima di toccare anche un solo mattone della mia abitazione qui a Casamicciola. Sono venuto a scrivere qui perché voi geologi avete preso di mira la nostra isola, ma i fatti dicono tutt'altro:
- qui non si vedono eruzioni vulcaniche da moltissimi secoli, quindi il vulcano si sta spegnendo, se non è già spento
- non c'è bradisisma come invece ogni tanto c'è Pozzuoli
- non si registra la presenza di faglie importanti
- le fumarole sono quasi inesistenti
Giù le mani delle nostre case!!!
A parte che non è la Scienza a ricorrere a metodi coercitivi ma è la cosa Pubblica a mettere in pratica i suggerimenti della Scienza, questa uscita si potrebbe concettualmente inserire in una categoria molto comune oggidì, quella dell’esercizio arbitrario di presunte ragioni.
Perchè c’è molto di arbitrario, nel senso di atteggiamento che dipende dalla volontà e dall'arbitrio del singolo senza riferimento a legge o norma esteriore (in questo caso in spregio a qualsiasi riferimento scientifico), mentre le sue ragioni sono presunte, molto presunte e assolutamente assurde sempre per la totale antiscientificità. Nello specifico, ho proprio parlato dei danni dovuti alla cattiva edilizia a Ischia dopo il terremoto dell'agosto 2017

GEOLOGI E CASSANDRE. Siamo davanti ad un classico esempio dell’atteggiamento italico di mettere la testa sotto la sabbia e far finta di nulla, credendo che evitando di parlare dei rischi, questi non ci siano: non è portare male, e la superstizione non fa parte del bagaglio della Scienza: si tratta semplicemente, nel caso, di una banale considerazione e cioè che un edifico non è in grado di reggere alle accelerazioni cosismiche possibili nell’area in cui è costruito, oppure si trova a rischio frana o alluvione; lo scienziato o il tecnico con questa uscita non aumentano le probabilità di un disastro, ma cercano di far percepire il rischio a chi si trova lì e a chi deve prendere decisioni al riguardo.

POPOLO E DEMOCRAZIA. Eh, no… non ci siamo proprio. Non è possibile accettare un contraddittorio fra chi sostiene una cosa scientificamente corretta e chi no. Perché se si tratta di una discussione scientifica un atteggiamento non scientifico non ha la minima dignità e, in ogni caso, non può essere considerato pari a quello scientifico. In altre parole non è proponibile un confronto scientifico a pari fra un ricercatore e un DJ o una mamma informata…. Purtroppo nel giornalismo italico (e, peggio ancora, nei talk-show) questa banale buona pratica viene messa in atto raramente.
Il lettore dice che non vuole leggere le riviste in peer-review sui vaccini. Bene, lo capisco. Primo perché la maggior parte di queste sono a pagamento a meno di non disporre come nel mio caso degli abbonamenti della biblioteca universitaria. Ma non le leggo neanche io perché non ci capirei niente, non essendo a conoscenza specifica dell’argomento. Ed è su questo (e cioè informare i non specialisti) che dovrebbe agire la divulgazione scientifica. Ma lui preferisce i famosi ricercatori indipendenti e considera il punto di vista della Scienza pensiero unico (è curioso che questo termine venga agitato spesso da chi vuole imporre il suo punto di vista..... per esempio anche gli estremisti religiosi affermano di battersi contro il pensiero unico)
La Scienza, come ho spiegato già più volte, per esempio qui, non è una democrazia, ma una datocrazia: si può discutere filosoficamente se Dio esiste o no, si può essere di destra o di sinistra etc etc, ma sulla Scienza si discute solo ed esclusivamente in base ai dati. Cioè, non si discute di Scienza come su una partita di calcio e i pareri di chi è esperto sono più importanti (e da considerare ben più autorevoli) di quelli di uno che quell’argomento non lo ha studiato. E come ho fatto notare, anche nei consessi scientifici le decisioni “a maggioranza” vengono prese ESCLUSIVAMENTE quando si tratta di applicare delle convenzioni: ad esempio, l’Unione Astronomica Internazionale ha deciso che Plutone non è più un pianeta maggiore, ma un “pianeta nano”, riservando quindi solo ad 8 corpi celesti il termine “pianeta del sistema solare”. Bene, questa è appunto una convenzione ma non cambia niente dal punto di vista scientifico, perché, pianeta o pianeta nano che sia, Plutone rimane quello lì.. cioè… nessuno ha deciso a maggioranza i suoi parametri orbitali, né, venendo alla Geologia, non è stato deciso a maggioranza che il limite Cretaceo – Terziario è a circa 64,5 milioni di anni… 
Non è dunque una questione di pensiero unico, ma di evidenze scientifiche, le quali possono chiaramente essere discusse (il dubbio è la base della ricerca scientifica!), ma questo solo partendo dai dati, che – per carità! – possono anche essere discussi nel modo in cui sono ottenuti e/o usati, ma sempre in modo scientifico e non fuffico. 
Facendo un esempio pratico, anche se la volontà popolare fosse quella di finanziare i cosiddetti studi sul radon di Giuliani, siccome le sue macchinette magiche non misurano nulla se non rumore di fondo, è perfettamente inutile dal punto di vista scientifico dargli dei soldi per farlo, per cui non gli vanno dati.
E tifare quindi per i ricercatori indipendenti è come discutere al bar sport o credere al mago Otelma. 

QUESTIONE VACCINI: NON SONO AUTOREVOLE SU QUESTO E NON NE PARLO. Il mio parere in questo campo non conta, semplicemente perché non ho competenze specifiche sull’argomento e quindi evito di parlarne. Ci sono professionisti che studiano specificamente l’argomento e quindi il mio pensiero è: mi adeguo a quello che propongono loro. Anche su “La Scienza risponde” quando intervengo su argomenti del genere lo faccio solo su questioni di metodo, lasciando che su questioni di merito se ne occupino specificamente i miei colleghi dello staff che nella vita si occupano specificamente di tali questioni. Faccio solo presente che la questione dei metalli pesanti e del rapporto con l’autismo sono solo delle immonde bufale, messe in giro da gente interessata a far quattrini sulle spalle dei gonzi. Questo è dimostrato dalla letteratura scientifica che mi è stata riportata da persone competenti. Linko a questo proposito una delle varie discussioni sul tema nella nostra pagina Facebook La Scienza risponde.

EDILIZIA ANTISISMICA. Le vittime non le fa il terremoto, ma la cattiva edilizia. Non condivido assolutamente il discorso che uno sia libero di fare quello che gli pare, perché le conseguenze del singolo caso incidono sempre nel complesso dell’emergenza e del dopo.
Ovviamente non conosco questo caso particolare, tantomeno non essendo un ingegnere strutturale sarei in grado di giudicare il provvedimento in base al quale l’edificio sia stato giudicato non idoneo. Però, una casa contemporaneamente abusiva e non idonea è un insulto al buon senso, alla legge e a tutti coloro che, con sacrifici non diversi da quelli citati, hanno costruito o comprato una casa edificata in armonia con le normative. La legge va rispettata. Punto e basta.
L’abusivismo edilizio (con i condoni al suo seguito) rappresenta una delle massime vergogne nazionali e fonte di disastri costati miliardi di euro ai contribuenti. Fosse abusiva dunque, tutta la mia simpatia va a chi ne deciderà l’abbattimento.

La sabbia calda nella spiaggia dei Maronti:
dimostrazione dell'attività vulcanica in corso
IL CASO SPECIFICO DI ISCHIA DAL PUNTO DI VISTA GEOLOGICO E GEOFISICO. Dal punto di vista geologico, inoltre, leggo una serie di errori devastanti che non capisco se siano solo un effetto di mancanza di cognizioni in materia o un bias intepretativo dovuto alla voglia di dimostrare a tutti i costi le sue presunte ragioni. A questo proposito faccio una serie di osservazioni:

  • che il vulcano di Ischia sia spento perché “non si vedono eruzioni da tantissimi anni” (esattamente dal 1302) è una bestemmia vulcanologica. Ricordo incidentalmente che esattamente da quelle parti 2000 anni fa nessuno avesse capito di stare su un vulcano, proprio perché lo stesso era in quiescenza da parecchio tempo
  • l’attività fumarolica (per esempio ai Maronti) dimostra praticamente, se ce ne fosse ancora bisogno, che l’attività vulcanica non è esaurita
  • insomma, usare il parametro di qualche secolo per dire che un vulcano non è più in attività è una follia… 
  • dopodichè… è proprio sicuro che non ci siano movimenti verticali nell’isola, anche se meno intensi che a Pozzuoli? Io sono sicuro del contrario, anche se questi movimenti sarebbero rilevabili solo tramite indagini satellitari e/o, forse, dall’evoluzione morfologica recente delle spiagge
  • faglie importanti”: bisogna chiedersi cosa voglia dire questo concetto. Se per faglia importante ne consideriamo una che possa produrre un evento sismico che per l’Italia si possa considerare “degno di nota” e quindi diciamo con M superiore a M 5.5, probabilmente Ischia è lontana dal focus principale di strutture del genere, e quindi al sicuro dagli effetti più sensibili dovuti ai grandi terremoti appenninici. Però quello che conta nella classificazione sismica non è la Magnitudo, bensì la massima accelerazione cosismica del terreno e a Ischia, essendo un vulcano attivo, i terremoti possono essere piuttosto superficiali, potendo provocare quindi un risentimento molto evidente che si traduce in un grado piuttosto elevato nella scala MCS (Mercalli – Cancani – Sieberg) anche in caso di M estremamente basse, come dimostrano gli eventi del 1883 e del... 2017 (di cui, come linkato all'inizio del post, me ne sono occupato qui)

Pertanto mi trova ampiamente d’accordo il provvedimento di classificare in zona 2 i comuni dell’isola, il che comporta l’obbligo per gli edifici di resistere ad una accelerazione cosismica di picco su terreno rigido compresa tra 0.15 e 0.25 g. Inoltre, particolari attenzioni devono essere posti sulla collocazione degli edifici in quanto molti suoli dell’isola si prestano a fenomeni di amplificazione superficiale delle onde sismiche.

corteo dei detentori di case abusive a Ischia
IN CONCLUSIONE. Se già costruire in modo abusivo è una cosa intollerabile, farlo senza considerare i criteri antisismici locali è completamente folle. Un suicidio potenziale che non può essere permesso in un Paese civile dotato di una comunità scientifica e tecnica molto preparata sull’argomento

PS: questo post è un esempio tipico della teoria della montagna di merda e cioè che qualcuno ci mette 2 minuti a scrivere delle bestialità e che un esperto ci mette una giornata intera a rispondere nel merito.
So benissimo che questo post non convincerà il lettore ischitano (anzi, se mi legge sarà ancora più incazzato di prima con il sottoscritto..), ma spero comunque che qualcun altro, in cerca di notizie in merito, leggendo il mio punto di vista e il suo, si convinca che il mio sia quello corretto

38 commenti:

Anonimo ha detto...

Lei è ideologicamente fazioso. Se amasse realmente la scienza (soprattutto la genetica umana), non dovrebbe avere alcun problema ad ammettere che, a differenza degli australiani di origine europea, gli aborigeni sono rimasti fermi ad uno stato decisamente preistorico. Le razze esistono a livello genetico, scientifico e culturale-antropologico.
Signor Piombino, le Sue conoscenze antropologiche sono estremamente carenti. Chiedo e pretendo che Firenze sia popolata esclusivamente da genti di razza bianca. Con una popolazione razzialmente ed etnicamente pura, vi sarà una nuova epoca d'oro.

Buona serata.

Aldo Piombino ha detto...

Mah, che io sia fazioso mi pare difficile. sono semplicemente "scientificamente rigoroso". Il che è diverso.

Lei ha scritto che " Le razze esistono a livello genetico, scientifico e culturale-antropologico":
mi sfugge ad esempio perchè "genetico" sia escluso da "scientifico". Ipotizzo invece che Il "culturale - antropologico" (anche questa una definizione un pò "sui generis") possa essere identificato con "etnia".
E che esistano diverse "etnie" è innegabile e che ci siano differenze culturali è ovvio. Ma questo non impedisce ad un nativo australiano di diventare un ottimo scienziato se studia nel sistema della istruzione del Paese dei canguri, chartamente improntato ad una etnia anglossassone.

Ricordando che proprio charles Darwin ha ridicolizzato coloro che dividevano l'umanità in razze, vengo al punto di vista genetico, secondo il quale la letteratura scientifica assegna ai nativi australiani una variabilità simile a quella delle popolazioni euroasiatiche (e quindi minore di quelle africane), presentando più aplogruppi sia del MtDNA (derivati sia da M che da N), che del cromosoma Y, dove gli aplogruppi più diffusi, C e P, si trovano nell'albero genetico molto distanti fra di loro.
Pertanto non si può dire dal punto di vista genetico che i nativi australiani appartengano ad una razza specifica.
A meno che Lei non sia in possesso di ricerche i cui dati indichino la sola presenza di aploguppi anche diversi ma imparentati solo fra loro come "outgroup" rispetto agli altri aplogruppi umani a meno di qualche introduzione recente da parte di coloni "bianchi" (il che sarebbe l'unica possibilità per poter dire di essere davanti ad una "razza") . . Attendo quindi una eventuale citazione, che - comunque - deve provenire da un lavoro presente in una rivista scientifica in peer review.

Mi interessa poi una definizione di "popolazione bianca geneticamente pura": mi può indicare una linea particolare di aplogruppi del MtDNA e del cromosoma Y tali da poter isolare, con gli stessi criteri di cui sopra, una popolazione siffatta? E questa popolazione come pensa di selezionarla?

Saluti

Anonimo ha detto...

Salve. Il recentissimo vertiginoso aumento di terremoti & eruzioni vulcaniche potrebbe essere la conseguenza della riemersione del continente di Atlantide?

Aldo Piombino ha detto...

1. non c'è un "recentissimo incremento di terremoti". anzi, se nel 2018 si potesse segnalare una anomalia, quella sarebbe esattamente di verso opposto: gli eventi sismici sono meno del normale
2. non c'è nessun "continente in emersione"
3. sono convinto che la leggenda di Atlantide rifletta un fatto realmente accaduto. La mia impressone è che il tutto sia avvenuto nella zona del golfo di Cadice

Antonio ha detto...

Definire qualsiasi italiano di razza pura e bianca potrebbe non essere facile come sembra. A Roma si incrociavano persone da tutto il mondo ( conosciuto ) e dopo l'impero romano popoli da ogni parte hanno invaso la penisola. Sono più italiani puri i siciliani biondi (eredi dei normanni) o quelli mori (eredi degli arabi)?

Anonimo ha detto...

Quindi Atlantide potrebbe essere Santorini?

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Aldo Piombino ha detto...

meno mal che ho visto il commento del razzista di Rovezzano...
il quale è cortesemente pregato di smetterla di postare commenti di questo genere, totalmente privi di senso dal punto di vista scientifico e riprovevoli da quello morale.
Ripeto:
a mai più risentirci

Aldo Piombino ha detto...

Venamo ora ad Atlantide. Io sono dell'idea - ovviamente indimostrabile - che il mito sia vero anche se non così vecchio come descritto nel dialogo.
Perchè Cadice e non Santorini?
Perchè lo tsunami è arrivato parecchio tempo dopo il terremoto e nell'area conosciuta all'epoca c'è un solo posto dove questo è possibile: la costa atlantica della penisola iberica. In caso di Santorini lo tsunami sarebbe arrivato troppo presto.
Inoltre la descrizione delle attività minerarie coincide abbastanza bene con le possibili risorse minerarie della Sierra Nevada.
Per cui, incrociando i dati, l'unico retroterra atlantico con quelle caratteritiche è il golfo di Cadice.

Anonimo ha detto...

Ciao, qualche anno fa ho fatto il test genetico con Geno e ho scaricato la pagina con i risultati. Per quanto riguarda gli aplogruppi un materno H1a3 e un paterno R-L671. Cosa ti dicono? In ogni caso dicevi che l'aplogruppo conta poco rispetto al DNA autosomico, ma dove lo trovo? È la suddivisione in percentuali presente sulla pagina che dice "I am" 50% di questo, 30% di quest'altro e via dicendo? Grazie

Aldo Piombino ha detto...

siccome il DNA mitocondriale si trasmette in linea diretta femminile e il cromosoma Y in linea maschile. Quidi il cromosoma Y è del padre, del nonno paterno, di suo padre etc etc e il DNA mitocondriale è la stessa cosa in direzione materna.
Per questo sono utili negli studi di storia umana più del resto del DNA che invce si ricombina, ma conta molto di più per tante cose...
Quindi sul DNA capisco poco, a parte appunto cromosoma Y e MtDNA che mi interessano per questo. E mi chiamo fuori su qualsiasi altra questione, non avendo competenze in materia.
Venendo agli aplogruppi, si tratta in entrambi i casi di aplogruppi nati nell'Asia sudoccidentale, probabilmente nella mezzaluna fertile o giù di la.
Però in riferimento al cromosoma Y non conosco R-L671, conoscevo R1 R2 e le sue derivazioni ma non questo e non ne ho trovato notizia. Mi dispiace.
Venendo al MtDNA, l'aplogruppo H è piuttosto diffuso; anzi, direi che è quello "classico" europeo, ed è arrivato dal medio oriente in diverse ondate migratorie. In particolare H1a3 è diffuso soprattutto lungo le coste del mediterraneo occidentalee del nordafrica e appartiiene alla prima ondata neolitica, quella dei popoli di lingua basca; anzi, è una derivaizone recente di H1, vecchia al massimo di 6000 anni fa. Qualcuno addirittura parla di H1 come ancora più antico, derivato da quegli uomini che hanno resistito in Iberia all'ultimo massimo glaciale di 20.000 anni fa e quindi prima delle migrazioni da est che hanno portato l'agricoltura
Hai mica la mamma con ascendeze sarde?


Anonimo ha detto...

Buongiorno. A quale etnia appartenevano gli Aztechi?

Peppe ha detto...

Sono Peppe, vivo in Calabria, e purtroppo anche la mia abitazione è stata definita "abusiva". C'è chi sostiene che la mia modesta casa sia stata edificata dalla ndrangheta. Tutte balle. Pertanto, comprendo perfettamente lo stato d'animo del signore di Ischia. Per quanto riguarda l'autore di questo articolo, io rispondo che è troppo comodo pontificare dal proprio residence fiorentino. Dovresti avere più rispetto nei confronti della gente che per tutta la vita si è fatto il mazzo. Lo sappiamo che voi geologi vi state mobilitando per distruggere il nostro patrimonio edilizio cosiddetto "abusivo". Il vostro accanimento è vergognoso. Poi, non condivido assolutamente la tua ossessione per la legalità (che, per me, dovrebbe essere applicata con parsimonia). L'antimafia può essere peggio della mafia medesima.

Aldo Piombino ha detto...

iniziamo dagli Atzechi: l'"etnia" sarà ovviamente quella atzeca (ma non sono in grado di dire se e quanto variabile fosse la popolazione dell'impero). Dal pinto di vista linguistioco, parlavano una lingua amerinda del gruppo Uto-Azteco, parlato nel SW degli attuali USA e nel Messico centrale e settentrionale, quindi dall'area degli shoshoni fino appunto agli Atzechi.

e ora veniamo a Peppe:
1. non pontifico da un residence firentino, ma da una scrivania all'univeristà o da una normalissima abitazione (comprata non senza fare parecchi sacrifici... succede anche a chi compra una casa regolare....)
2. prima di dire che ad un altro che Lei si è fatto un mazzo tanto, accusando implicitamente chi scrive di non farlo, sarebbe il caso di sapere con chi ha a che fare. nel caso oltre all'università ho un lavoro, che è - oh, che caso! - piuttosto faticoso e sto 12 ore fuori casa tutti i giorni... e la sera dopocena spesso continuo a studiare...
3. per me la vergogna sono le costruzioni abusive. Fra l'altro non è che chi compra una casa non abusiva non fa meno sacrifici.... sapevate che non era regolare e quindi se ve la buttano giù sono affari vostri.. Dopodichè voglio vedere se vi succede qualcosa ... chiedete contributi per rifarla?
4. ma l'apoteosi è il fatto che la legalità dovrebbe essere "applicata con parsimonia": è un caso se i Paesi dove si vive meglio (Olanda, Svezia, Danimarca, Germania) siano quelli dove la legalità la fa da padrona, e quelli dove si vive peggo siano quelli dove la legalità è scadente o applicata in maniera disinvolta? Noi di Piombayer diciamo di no...

Peppe ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

Cesare Marino, antropologo di professione, nativo americano d’adozione

Aldo Piombino ha detto...

ho elminato il nuovo messaggio di "Peppe".
Non mi va di polemizzare utleriormente.
Lui ha espresso la sua opinione, che non concorda con la mia e, secondo me, con quella della logica geologica e urbanistica.
Poi nel secondo messaggio ha un pò esagerato con i toni...
direi di chiuderla qui

Francesco B. ha detto...

Buonasera. Qualche giorno fa, sono venuto a conoscenza della Teoria Gravitazionale del dottor Stefano Calandra. In breve, secondo questa rivoluzionaria teoria, la forza gravitazionale esercitata dai vari pianeti (Marte, Giove, Saturno, Nettuno, ecc.) sollecita il movimento delle rocce della Terra, provocando quindi i terremoti.
Lei che ne pensa di questa teoria?

Aldo Piombino ha detto...

la teoria di Calandra? una balla spaziale.
Fisicamente impossibile: tolto Sole e Luna gli altri corpi del sistema solare non hanno effetti gravitazionali (è fisica elementare, del tipo F=ma

poi le faglie hanno meccanismi di movimento e orientazioni diverse, per cui faglia che trovi, distubo che troveresti (che troveresti se non fosse una idiozia...)

Calandra dice che della comunità scientifica non gliene frega nulla.
io dico che alla comunità scientifica di Calandra non gliene frega nulla, ma prima o poi qualcuno si incazzerà di brutto con questo incantatore di gonzi che azzecca solo a posteriori o per statistica

Non seguitelo...

Anonimo ha detto...

E lei dovrebbe avere rispetto di tutti quelli che si sono costruiti o comprati una regolare abitazione a norma, e che in caso di sisma non andranno a pesare sulla collettività per spese sanitarie e/o di alloggio.
Smantellare il patrimonio abusivo è una priorità per qualsiasi paese in cui la legalità è un obiettivo irrinunciabile, l'espressione "ossessione per la legalità" è francamente incommentabile.

Anonimo ha detto...

Una volta vidi un documentario che sosteneva che l'uomo di Neanderthal, almeno per un breve periodo di tempo, abbia condiviso la terra con l'uomo Sapiens e che si siano addirittura ibridati, prima che il primo si estinguesse. Inoltre diceva che l'uomo neanderthaliano avesse una corporatura adatta a resistere al freddo e sforzi fisici notevoli, ma non le facoltà mentali da sopravvive al nuovo continente che durante le migrazioni avevano raggiunto (l'attuale Europa). Qui pare si siano ibridati coi Sapiens. Per cui il Sapiens Sapiens dovrebbe essere un ibrido che combina intelletto e prestanza fisica.
Potrebbero sfuggirmi dei dettagli, ma il succo dovrebbe essere questo.

Anonimo ha detto...

Gentile prof. Piombino , il fatto che le sequenze della Calabria siano da dover seguire farebbe pensare che la chiusura della sequenza dell'Italia centrale (area epicentrale) col famoso 5 Mw abbondante sia imminente. A tal proposito è possibile, e quanto, che la zona candidata alla chiusura della sequenza sia quella Campostosto-Barese-Pizzoli? Potrebbe risproporsi così lo schema di faglie che ebbero a muoversi in sequenza nel 1700? La faglia di Pizzoli sembra stranamente silente in riferimento all'effetto domino che ha interessato tutta l'area.
Grazie sin d'ora professore

Aldo Piombino ha detto...

bene. Risposte brevi
1.concordo pienamente con l'anonimo delle 08.28

2. neandertaliani. la questione è un pò complessa ma dal punto di vista genetico si può riassumere, al momento (e cioè con lo "stato dell'arte" odierno), così: ci sono stati degli incroci oltre 100.000 anni fa quando la prima popolaizone di sapiens uscita dall'Africa incontrò i neandertaliani nel vicino oriente. Non risulta, invece che ci siano stati incroci nel periodo tra 50 e 40.000 anni fa quando i sapiens dell'epoca invasero l'europa. Diciamo che i geni neandertaliani saranno al massimo il 5% e non ci sono linee dirette probabilment eper la scarsa fertilità degli incroci.
Quanto alla questione del perchè, si può supporre che i sapens fossero in numero maggiore e possedessero una tecnologia migliore (un pò come gli europei hanno invaso e colonizzato nordamerica o Australia nella seconda parte del II millennio d.C.). Il fatto che il tutto sia avvenuto durante la fase calda collocabile tra 70 e 40 mila anni fa (lo stdio isotopico dell'ossigeno "3") può far pensare ad una minore capacità dei neandertalinai a vivere in condizioni più calde, ma qualche decina di migliaia di anni fa faceva ancora più caldo... Che poi i neandertaliani fossero "più stupidi" ci sono forti dubbi. Innanzitutto il cervello era più grande del nostro, poi avevano capacità artistiche non da poco. Anzi, è possibile che in medio oriente ai tempi degli incroci siano stati i neandertaliani a insegnare il "pensiero simbolico" ai sapiens. Al proposito ho scritto una cosa qui: https://aldopiombino.blogspot.com/2018/03/anche-i-neandertaliani-erano-dotati-di.html

3. veniamo alla questione terrmeoti. Sarò franco:

a. quando dici che:
" la chiusura della sequenza dell'Italia centrale (area epicentrale) col famoso 5 Mw abbondante sia imminente"
ebbene, questa è una boiata pazzesca: le sequenze sismiche non finiscono con una scossa forte, ma con una diminuzione progressiva della frequenza e dellamagnitudo degli eventi. Non c'è nessun "famoso 5Mw" in arrivo (famopso poi per chi...). O, meglio, ci potrebbe essere e a sua volta innescherebbe una serie di repliche. Ma di sicuro non segnalerebbe "la fine della sequenza". Tantomeno esiste una zona "candidata ad ospitarlo"
Smettiamola con queste fesserie, per favore

b. che possa essere in atto una sequeza come nel 1700 è possibile: ci sono già stati 3 episodi "maggiori" (1997, 2009 e 2016). E se rifacesse come all'epoca tra Fabriano e il Matese tutti i postio sarebbero "buoni" per essere interessati nei prossimi decenni. e non da eventi a M circa 5... ben di più, oltre 6..
Non conosco bene la zona ma la faglia di Pizzoli sarebbe quella della Laga o quella di Campo Imperatore?

c. non conprendo neanche cosa voglia dire che "le sequenze della Calabria siano da dover seguire, tantomeno perchè queste (fantomatiche) sequenze implicherebbero la cessazione dell'attività nell'Appennino centrale..

Sono tutte frasi che di scientifico hanno poco...
Purtroppo temo che vengano da uno che sarebbe anche un geologo... una spina nel fianco della categoria...
tristissimo...


-

Giuseppe De Natale ha detto...

Caro Aldo, leggendo le argomentazioni del lettore, trovo naturale fare le seguenti considerazioni: se probabilmente (come tu stesso hai ammesso) la tua prima risposta era stata 'un pò forte', le argomentanzioni successive del lettore l'hanno giustificata pienamente, a posteriori. Credo che, nelle tue argomentazioni ulteriori in risposta alle affermazioni 'surreali' del lettore, tu ti sia impegnato fin troppo. Credo infine che le argomentazioni del lettore sulla 'Democrazia', la 'Scienza', i 'Vaccini', i 'Ricercatori Indipendenti' e quant'altro, siano un esempio eclatante di Ignoranza e Supponenza, che purtroppo, per l'assoluta mancanza di pudore con cui temi così importanti vengono banalizzati, testimoniano un clima culturale ormai inaccettabilmente deteriorato nel nostro paese.

Aldo Piombino ha detto...

Caro Giuseppe, ti ringrazio per la stima

Firenze Ariana ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
BEATRICE ha detto...

Vediamo se Piombino saprà smentirmi, perlomeno entro qualche giornata, dato che sull'ipotesi evoluzionistica (ossia la fiaba fabbricata da Charles Darwin) se l'è data a gambe elevate. ;-)

Per quanto riguarda l'articolo, anch'io ho lamentato più volte che la scienza di regime vive sopra un piedistallo fatto di avorio. Gli scienziati sono ferocemente materialisti e presuntuosi, ignorano completamente la dimensione spirituale.
Neppure la meccanica quantistica è in grado di spiegare certe dinamiche cosmiche. Quindi, sarei un po' appagata se Piombino finalmente ci comunicasse cos'è e dov'è 'sto presunto anello mancante che parrebbe collegare la scimmia con l'essere umano. Cioè, una scimmia si sforza moltissimo per restare in posizione retta. Noi umani, invece, non lamentiamo alcuna fatica in proposito. Questa è un'ulteriore prova che l'evoluzionismo darwiniano è solamente un'ipotesi carnevalesca da conservare nel museo delle baggianate scientifiche.

P.S.: per la cronaca, tra gli attivisti anti-Darwin ci sono anche atei ed agnostici.

Aldo Piombino ha detto...

per tutti i lettori: Beatrice è una che crede al complotto delle scie chiomiche e seguace di colui che è stato abbondantemente perculato nell'ultima puntata di superquark.
Tantochè parla di "attivisti" antidarwin (non può parlare di scienziati, visot che scienziati antidarwinisti... non ce ne sono.

dopodichè alcune brevi note:
1. mi pareva che il buon Giacomo Milazzo avesse risposto in maniera esauriente, anche sulla questione dell'anello mancante... 2. francamente, ho poco tempo da perdere con vaneggiamenti di sciacomicari antiscienza in generale
2. mi riprometto comunque quando avrò tempo di rispondere
3. gli Scienziati non possono tenere in considerazione cose che non fanno parte della sfera scientifica nella loro ricerca
4. ma te beatrice sai cosìè la meccanica quantistica? e cosa c'entra con l'evoluizone?
5. che l'uomo non lamenti nessuna fatica a star ein posizione eretta è una immensa cazzata: i problemi alle gambe e alla schiena patiti da diverse perosne sono proprio dovuti al fatot che questa postura è piuttosto recente, relativamente parlando.
6. carnevalesche saranno le scie comiche e certe posizioni antidarwin

Aldo Piombino ha detto...

aggiungo:
ci sono parecchi credenti su posizioni evoluzionistiche, buona parte della chiesa cattolica compresa

Anonimo ha detto...

Nei suoi libri, Zecharia Sitchin affronta l’ argomento del Diluvio Universale più e più volte, alcune volte in modo marginale, in altre, come del libro “L’Altra Genesi”, in modo molto approfondito. La sua teoria in merito è che il Diluvio fu un evento catastrofico dovuto allo sciogliersi dei ghiacci del Polo Sud, facilitato dal passaggio di Nibiru (il Pianeta X) in prossimità della Terra che con la sua spinta gravitazionale diede il ‘colpo di grazia’ al già compromesso equilibrio climatico del pianeta. Tutto ciò avvenne, secondo Sitchin, a cavallo del 10.000 a.C., cioè alla fine della ultima era glaciale; il crescere del livello marino, l’insorgere di bufere e uragani, lo scioglimento del ghiaccio che riversò acqua dolce sul mare, causarono un mutamento climatico che, oltre a questi fenomeni già citati, portò una serie di piogge abbondanti e durature che sono rimaste nella memoria storica collettiva di tutti i popoli della Terra.

Aldo Piombino ha detto...

Una caterva di cazzate scritte da uno scrittore senza studi specifici...
Ho letto diversi libri di psicologi e sociologi che mi hanno fatto capire perchè la gente è più affascinata dalle teorie idiote fatte da gente che scrive senza sapere ciò di cui pretende di parlare che da coloro che portano avanti la realtà scientifica. Zecharia Sitchin è uno di cotesti individui... e certe cose non si possono leggere.
Ma ogni volta che sento un commento di questo genere rimango stupefatto.

mi piace poi la sicurezza di questo anonimo..
e anche per oggi abbiamo un vincitore per il commento più "originale"..
Sto quasi pensando che ci sia una singola persona che si diverte a sparare lidiozia del giorno...


Giacomo Milazzo ha detto...

Cara (ancora per poco) Beatrice,

mi rammarica molto leggere questo tuo ennesimo commento a senso unico e pronunciato con le orecchie tappate mentre ti vedo a fare "bla bla bla bla" come un bimbo a voler coprire le voci degli altri. Ma tant'è.
Evidentemente non m'hai letto, in nessuno dei miei interventi nel posto sull'estinzione del Carbonifero. E non m'hai letto nemmeno dopo che il nostro ospite s'è così cortesemente offerto nel citarmi.
Ho un leggero sospetto nel chi tu possa essere ma preferisco augurarmi di no.
Bello leggere di fiabe relative al lavoro di uno scienziato e contemporaneamente citare ad ogni più sospinto la Bibbia.
Scienza di regime? Quale? Quello capitalista nordamericano ed europeo, quello dell'ex Unione Sovietica, quello cinese, quello tipico delle dittature del sud America, o che altro? No perché siccome il darwinismo è accettato dall'intera comunità scientifica internazionale occorre capire a quale regime ti stia riferendo.
Vorrei capire poi il nesso tra meccanica quantistica e "certe" dinamiche cosmiche. Quali? Mi dici cosa intendi per dinamica cosmica? E soprattutto per meccanica quantistica.

Per quanto riguarda la semplicità dello stare in posizione eretta che compete all'essere umano prova a riconsiderare la tua posizione (...) dopo che t'abbia assestato un paio di pedate a rimandarti a scuola, a scuola d'umiltà innanzi tutto!

Giacomo Milazzo ha detto...

E infine, siccome copiare e incollare non costa fatica riporto quanto già t'avevo detto giorni fa sulla favola, questa sì che lo è, dell'anello mancante.
E studia!

=========== segue il mio commento del 17 luglio u.s. =====================
Voglio dedicarmi ancora una volta, spero l'ultima, alla nostra Beatrice. Ancora una volta tira fuori questa storia del famoso "anello mancante". Questo modo di dire è una locuzione emersa nel XIX secolo all'indomani della pubblicazione da parte di Darwin del suo "L'origine dell'uomo" e più in generale nel dibattito intorno all'evoluzionismo.
"Anello mancante" per indicare la mancanza di rinvenimenti fossili che completassero le linee evolutive delle forme viventi. Nel moderno evoluzionismo, quello che come ho scritto si può persino "vivere" nell'arco di pochissimo tempo, questa sospetta mancanza ha completamente perso di valore scientifico.

E chi continua a usarlo, guarda un po', sono i soliti critici antievoluzionisti che lo sbandierano ogni qual volta sono colti in fallo o non riescono ad ammettere d'essere in errore.

Avevo già indicato a Beatrice un interessante link dove si spiega qualcosina, davvero a livello elementare, sugli errori più comuni, e lì si parlava anche di questo concetto.
Ma si vede che come quasi tutti i fondamentalisti ad oltranza leggere fa fatica, o difettano del necessario per capire ciò che leggono quando si tratti di argomenti scientifici che richiedono un pochino di impegno. E questo torna con quanto già espresso diversi commenti fa: ovvero che la differenza tra me e lei, Beatrice, è che io leggo anche le fonti "nemiche", lei si limita a quella biblica. Male, molto male.

Quella degli anelli mancanti è una favola, e lo è da un pezzo, ma i creazionisti ancora pensano sia una realtà e la usano a loro personale consumo. Se l'evoluzione procedesse in maniera lineare, una catena di anelli appunto, potrebbe aver senso dire “anello mancante”, ma questa concezione è frutto della concezione che si aveva PRIMA di Darwin. La teoria dell’evoluzione implica che un eventuale fossile possa fornirci indicazioni di "transizione", ovvero forme intermedie tra un gruppo più antico ed uno più recente (tra i pesci e gli anfibi per esempio), ma non è affatto detto che gli esemplari trovati appartengano sempre alle specie progenitrici che sappiamo essere esistite. Non c'è un anello mancante tra l'uomo e i primati perché prima dell'attuale forma sia noi che loro avevamo un progenitore comune e "qualcosa" in mezzo.
Come un meme incarognito e difficile da scalzare l’anello mancante è talmente adorato dai media che anche gli scienziati, a volte, si piegano al marketing e usano il termine tanto per farsi capire al volo ignorando il danno prodotto!


https://www.wired.it/scienza/2014/02/07/migliori-bufale-evoluzione/

Aldo Piombino ha detto...

ringrazio ancora Giacomo per la sua pazienza...
lo ringrazio anche eprchè è un periodo che ho davvero poco tempo (e anche poca voglia) di fare geologia..
capita..

Aldo Piombino ha detto...

consiglio a Batrice questa lettura:
http://pikaia.eu/delezioni-e-duplicazioni-alla-base-delle-differenze-tra-le-grandi-scimmie-e-luomo/

Giacomo Milazzo ha detto...

Grazie ancora Aldo.
Ed io consiglio questo bel saggio, scritto in occasione del 150mo dalla pubblicazione de "L'origine delle specie".

https://www.amazon.it/Perch%C3%A9-non-possiamo-dirci-darwinisti/dp/8817034258

punteruolorosso ha detto...

è interessante come in questo periodo le parole popolo, razza e sovranità siano tornate di moda.
il popolo non decide un bel niente, siamo in una democrazia rappresentativa, non plebiscitaria. il popolo non decide, ma delega. se i politici non sono all'altezza, possono essere cambiati. i politici non sono migliori o peggiori del popolo. abbiamo quelli che ci meritiamo. gli scienziati non devono fare i politici, ma i politici non devono fare gli scienziati. sono due cose diverse. un politico in gamba ascolta i suggerimenti dello scienziato, e a volte è anche costretto a farlo perché la legge glielo impone.
la scienza dev'essere indipendente dai partiti.
quanto al signore di ischia, solidariteà e simpatia a un compaesano del sud. spero che si tratti di un errore, e che la sua casa sia effettivamente sicura. purtroppo ischia è un'isola a rischio sismico (casamicciola 1883) e vulcanico. i tempi geologici, come detto dal dott.piombino, non vengono votati online o in parlamento.
sulle case abusive c'è qualcosa da dire. nella mia città, palermo, coprono il 70% della costa, rendendo inagibile il mare alla maggioranza dei palermitani, deturpando la bellezza del golfo che viene riempito di liquami. sono sicuro che anche questi signori si sono sudati la casa. ma mi hanno tolto la vista sul mare. è questa democrazia?
caro signore di ischia mio compaesano e amico, noi del sud abbiamo problemi simili. l'abusivismo unito all'elevata pericolosità sismica ci rende più fragili di altri. la prego di ascoltare lo scienziato, e di non ripetere le stronzate dei cinquestelle e della lega. fra i cinquestelle ci stanno anche molti politici perbene, ma al momento prevale la linea delle falsità antiscientifiche.
quanto al signore calabrese, un saluto alla bellissima terra di calabria. è vero, a volte l'antimafia sa essere anche peggiore della mafia stessa, ma lei vive in una regione dove si sono verificati, in epoca storica, almeno sette catastrofi sismiche. il problema qui non è la ndrangheta, ma la sicurezza delle case. in calabria non si verifica una scossa forte da parecchi decenni. questo non fa che aumentare il rischio. le faglie in questo momento si stanno caricando.
commenti sulla razza, lasciamo stare. povera gente del sud, famosa per la sua accoglienza, costretta oggi a scimmiottare le cagate di un imbecille come salvini. noi non siamo leghisti. siamo siciliani, calabresi, lucani, pugliesi e campani. il nostro dna viene dal mare, quello di salvini viene dai neandertal. anche noi siamo emigrati, e lo facciamo ancora. smettiamola con queste cazzate della razza, perché a vederci bene esistono razze anche migliori della nostra, più civili e rispettose delle regole. mafia, comorra e ndrangheta le abbiamo inventate noi, e questo non fa della nostra razza qualcosa da salvaguardare ad ogni costo.
saluti alla fantastica ischia e alla splendida calabria, in cui spero di tornare presto.

Aldo Piombino ha detto...

quanto espresso dl punto di vista politico da Punteruolorosso è ovviamente quello ch epensa lui.
Non che io non abbia idee politiche, ma su Scienbzeedintorni parlo di politica solo ed esclusivamente quando è strettamente connessa con la Scienza.

Per il resto, insisto che è impossibile dal punto di vista biologico riconoscere nell'umanità delle razze. Al limite parliamo di etnie.